Speci di pesce a rischio: come evitarle

tonno

L’uomo aggredisce tutto quello che vuole, a volte anche troppo e rischia, come con alcune specie di pesci, di provocare l’estinzione di una particolare tipologia di animale. Siamo fatti così, e purtroppo sembra che si riesce a fare ben poco. Come se non bastasse, problematiche come il riscaldamento globale o l’inquinamento (sempre prodotti dall’uomo, badate bene) completano l’opera.

Continue Reading

Come cucinare l’omelette perfetta

omelette

Se pensi che cucinare un’omelette sia questione di poco, è perché non hai mai assaggiato quella perfetta, cotta praticamente a puntino e mangiata calda, quasi bollente. Benché non sia così complessa da fare e tutti possono realizzarla, anche coloro che hanno da sempre avuto difficoltà tra i fornelli, è fondamentale conoscere il punto giusto di cottura e conoscere un paio di segreti che fanno evitare di sbagliare.

Per quanto riguarda gli ingredienti del ripieno, è possibile avere un’ampia scelta: formaggi di vario genere, prosciutto a dadini, pancetta croccante, funghi trifolati, peperoni, pomodori, verdure fresche, oppure anche semplicemente gli avanzi della cena prima. Broccoli, brie e mandorle tostate permettono di gustare un’omelette davvero elegante, mentre mais, chorizo e formaggio jalapeño sono eccellenti se vuoi provare qualcosa di più speziato e particolare. Se siete alla ricerca di spunti vi consigliamo di seguire le indicazioni di questo sito o di queste altre ricette per l’omelette.

Preparate il riempimento prima. Le omelette cuociono molto rapidamente, per cui tutto quello che deve andarci dentro va preparato prima. Il consiglio è di avere sul piano di lavoro tutto il necessario e di mischiare circa 1/3 di riempimento e 2/3 di composto per le omelette. Gli alimenti crudi devono essere cotti, quelli refrigerati invece devono essere riscaldati. Ancora, il formaggio deve essere a temperatura ambiente, mentre marmellate e gelatine vanno bene così come sono.

Nella scelta della giusta pentola, bisogna tenere presente che le migliori sono quelle poco profonde e con i lati inclinati, progettate per riuscire a girare facilmente la frittata durante la cottura e farla ruotare sul lato di cottura per evitare che si attacchi e si bruci. Se non si ha una padella apposita per fare le omelette, è possibile usare una qualunque altra padella con i lati inclinati, a condizione che abbia il fondo sufficientemente spesso.

Una volta che hai capito come fare l’omelette perfetta, non aver paura di sperimentare e provare altre combinazioni o tipologie, sia di condimento che di modalità di cottura, c’è sempre margine di miglioramento e potresti trovare un modo di cuocere questa frittatina ancora più semplice e gustoso.

Continue Reading

Corsi di cucina

corsi-cucina

Imparare a cucinare come si deve è bellissimo e, davvero, ci sono poche soddisfazioni come quella di saper fare tantissimi piatti da leccarsi i baffi. Sia che siate semplici appassionati di cucina, oppure che non abbiate ancora un lavoro e vogliate formarvi per darvi modo di trovarlo più facilmente, nonostante la crisi economica, i corsi di cucina sono fondamentali.

Uno dei più validi sul panorama nazionale è quello dell’ALMA, la scuola di cucina internazionale italiana, che organizza corsi professionali per diventare cuoco, pasticciere, sommelier, manager o professionista di sala bar. Tanti anche i corsi per gli stranieri che vogliono perfezionare la conoscenza della cucina italiana, anche magari per portarla poi in patria e farla conoscere a livello internazionale.

Per chi volesse seguire un corso di cucina internazionale organizzato in una delle più belle location mondiali, c’è lo Chef Academy di Londra, corsi di cucina professionali della durata di 300 ore, 325 ore oppure 550 ore. Previsto anche un corso di pasticceria e confetteria della durata di 840 ore. Davvero il top per chi vuole inserire nel proprio CV l’attestato di uno dei corsi più completi al mondo.

Tra i vari corsi per disoccupati che aiutano a farsi una carriera nel mondo della ristorazione, ci sono anche i corsi di Peccati di Gola, dove poter apprendere la cucina generale, prendere parte a corsi completi di pasticceria, di preparazione e cottura del pesce, della carne, oppure approfondire la conoscenza della cucina regionale o internazionale e tanto altro.

Il Master della Cucina Italia è più che una semplice scuola di cucina, ma un vero e proprio corso professionale che aiuta gli allievi a elevare il proprio pensiero e per tramite di esso a perfezionare l’azione. Corsi di cucina d’autore, pasticceria d’autore, analisi sensoriale, food cost e management aziendale, arte ed estetica in cucina, svolgimento delle attività di team building e tecniche e lezioni di cucina.

L’Italia è la patria del buon cibo ed è dunque normale che i più bei e completi corsi culinari si svolgono nel nostro paese. Sono corsi per ogni esigenza, che ti aiuteranno a stupire gli amici o a preparati ad una professione che, ne siamo certi, ti aiuterà a toglierti davvero tante soddisfazioni.

Continue Reading

Come preparare una super pizza

pizza

La pizza è buona tutto l’anno e se non vuoi uscire ogni fine settimana per andare a mangiare in una pizzeria, anche perché il costo non è indifferente, l’alternativa è quella di imparare a fare la pizza a casa. Ecco alcune regole e consigli che puoi seguire per migliorare il risultato finale ed avere una pizza come in pizzeria, o quasi.

Usa una bilancia. La maggior parte dei problemi che si hanno con l’impasto della pizza è legato al fatto che non si mettono le dosi giuste degli ingredienti. Le ricette hanno dei pesi e dei rapporti certi per ogni ingrediente, non a caso.

Pensare come un panettiere. Se vuoi la pizza sul serio veramente, dovrai imparare a pensare in termini percentuali, come un panettiere. Una volta capito come funziona, potrai liberarti delle ricette.

Così, per esempio, se una ricetta per la pasta della pizza richiede il 60% di acqua, il 2% di sale e lo 0,5% lievito, significa che per ogni 1.000 grammi di farina bisogna mettere 600 grammi di acqua, 20 grammi di sale e 5 grammi di lievito.

Il vantaggio di questo sistema è che permette di aumentare o ridurre le quantità senza problemi.

Scegliere la farina giusta. La farina è l’ingrediente principale della pasta della pizza e il tipo che si utilizza può avere un grande effetto sul risultato finale. Tra le migliori tipologie di farine per la pizza è possibile scegliere quella 00 o quella integrale, a scelta, e volendo anche fare un mix di entrambe.

Fare fermentare per bene. Il freddo aiuta a far fermentare la pasta della pizza e conservarla in frigorifero dopo averla impastata può aiutare a migliorare sia il sapore che le caratteristiche della stessa, anche in termini di digeribilità.

Scegli la mozzarella giusta. Come per tutti gli ingredienti, devono essere di qualità, per questo motivo la scelta di una buona mozzarella è fondamentale. Deve essere di qualità e la più fresca possibile.

La cottura. Perché il gusto della pizza in pizzeria è migliore di quella a casa? Spesso la risposta sta nel forno, più caldo di quello che si può avere a casa. Un forno caldo agevola nella prima fase della cottura, durante la quale le bolle d’aria e il vapore all’interno dell’impasto si espandono rapidamente, portando la pasta a diventare ariosa e piena di buchi. Un forno caldo crea anche una migliore contrasto tra l’esterno, croccante e leggermente “carbonizzato”, e l’interno, più morbido. Se proprio volete fare le cose per bene, potete comprare un forno da pizza da tenere in giardino.

 

Continue Reading

Cene con delitto: le migliori

cena-con-delitto

Hai voglia di fare una cena diversa dal solito, che unisce gusto ed emozione? Hai mai pensato di prendere parte ad una cena con delitto? Potrai mangiare piatti gustosi ed unici e cercare di risolvere un mistero unico, un delitto di cui dovrai riuscire a scoprire il colpevole.

Dovrai mettere alla prova le tue doti investigative, seguire gli indici, trovare il movente, individuare l’arma del delitto, collegare tutti i puntini per cercare di avere di fronte il disegno globale del delitto e trovare l’assassino.

Prova le cene con delitto di invitoacenacondelitto.com , diverse location italiane tra cui scegliere: Roma, Milano, Torino, Genova, Bologna e altre ancora. Oltre che prendere parte tu in prima persona a questo evento, potrai anche regalare una cena ad un amico o ad un parente, un regalo unico per i veri amanti del mistery.

Il sito cenaconildelitto.com si autoafferma “l’originale” cena con delitto in Italia, ogni regione italiana potrà essere protagonista di questo evento unico ed emozionante, al quale potranno prendere parte sia i gruppi di amici che le coppie, potrai regalare una cena a qualcuno di caro oppure, se hai un’azienda, organizzare un evento di team building del tutto particolare. Cerca di scoprire chi ha commesso l’omicidio, ma non commettere errori, un pazzo serial killer è ancora a piede libero.

Se ti piace l’idea di questo gioco ma non vuoi spendere 40 € per andare al ristorante, perché allora non prendere parte a questo gioco direttamente a casa tua? Un ebook esclusivo che potrai acquistare al costo di 5,50 €, alcune idee per trasformare la tua dimora nello sfondo di un gioco di ruolo emozionante e diverso dal solito.

Un’idea alternativa è quella del sito lacenacondelitto.it, un gioco interattivo durante il quale i commensali, stando comodamente seduti al tavolo, dovranno indagare su un omicidio già avvenuto (nessun morirà durante la sera, state tranquilli). I partecipanti troveranno, al loro arrivo, un foglio con degli indizi da seguire, come il resoconto della scientifica e la piantina del luogo dove è stato commesso l’omicidio.

Bisognerà mettere in campo tutta la propria bravura e tutto l’intuito di cui si dispone per riuscire a risolvere il mistero prima degli altri e vincere la serata.

Continue Reading

5 idee con le uova

carbonara

Le uova sono un alimento ideale per ogni momento della giornata: colazione, pranzo e cena, oltre che la merenda, se ci pensate bene è semplice trovare una ricetta gustosa con questo alimento.

Per la colazione: omelette dolci. Molto semplici da preparare, basta semplicemente prendere 3 uova fresche da sbattere con 3 cucchiai di zucchero (anche a velo, se volete che l’omelette esca più morbida), 150 gr di farina 00, 250 ml di latte per ammorbidire il composto, 1 pizzico di sale e 1 cucchiaino di olio di semi. Dopo averle fatte cuocere per qualche minuti da ambo i lati, fino a che si ottiene un’omelette dorata, si possono impiattare e condire con della crema al cioccolato.

Per il pranzo: la carbonara. Uno dei piatti più semplici da preparare, gustoso e nutriente, il guanciale (la ricetta vera non usa la pancetta, ma il guanciale) e un buon formaggio completano la ricetta per farla ancora più buona.

Per il pranzo: carbonara di tonno. Si prepara in 15 minuti, è un piatto bianco che prevede l’uso di tonno di qualità (anche in scatola, purché buono) a condire questo primo piatto gustoso e fresco, eccellente per l’estate.

Per la cena: frittata ai peperoni. Non è certamente la ricetta più leggera che possiate mangiare per la cena, in quanto già le uova sono abbastanza pesanti, i peperoni poi sono ancora più difficili e lunghi da digerire. Per questo motivo, se avete dei problemi di digestione non ve lo consigliamo, e magari potete optare per una frittata con le zucchine, oppure con la cipolla, o ancora solo con uovo e formaggio.

Consiglio: l’uso del formaggio in una frittata è importantissimo perché permette al piatto di gonfiarsi per bene ed essere ancora più morbido e gustoso.

Per la cena: asparagi alla milanese. Un piatto di origine lombarda che è così diffuso tanto da essere preparato in ogni parte d’Italia. L’uso di asparagi “selvatici” è raccomandato, in quando hanno un sapore migliore e più amaro rispetto a quelli coltivati (ma sono anche più piccoli come diametro, quindi dovete metterne di più nella teglia).

Cinque ricette con le uova, una più buona dell’altra. Quale preferite tra le tante?

Continue Reading

Ricette rapide: alcuni consigli

pesto

Hai poco tempo per cucinare perché sei magari impegno, o impegnata, con il lavoro? Sei uno studente o una studentessa e non hai proprio voglia di metterti ai fornelli a preparare cose complicate, magari dopo una giornata di pesante studio?

Ecco alcuni consigli per una cena veloce che, benché richieda poco tempo per essere preparata, non toglie davvero nulla al gusto.

Scegli dei piatti semplici da preparare. Che siano primi o secondi piatti, vegetariani o di carne, il segreto è scegliere delle ricette semplici. Per dei primi piatti potresti provare una classica pasta al sugo, che richiede davvero cinque minuti, oppure una pasta aglio e olio (hai mai provato a mischiare anche del pan grattato?), o ancora una carbonara, un grande classico della cucina italiana. Altre idee possono essere la pasta al pesto, oppure una pastina con il formaggino, per chi non ha proprio voglia di mettersi a fare nulla che richieda anche un impegno minimo.

Tra i secondi piatti potresti provare delle patate al forno, che sono veloci da preparare (basta solo sbucciare il tubero) ma non così rapide da cucinare (almeno un’ora o un’ora e mezza è da considerare). Meglio evitare i secondi di pesce, che richiedono solitamente più tempo.

Preparate il condimento la sera prima, in maniera tale da risparmiare tempo il giorno in cui dovete farvi da mangiare. Se la sera avete più tempo e vi va di cucinare qualche cosa, potrebbe essere un’eccellente idea preparare un sugo o il condimento in generale della vostra pasta del giorno dopo. Certo, ci sono alcune tipologie di paste che non possono essere preparate prima, come la carbonara, ma se potete, perché non farlo?

Scegliete dei condimenti già pronti, come il pesto alla genovese o quello alla siciliana. Benché ci sia molta differenza tra un pesto preparato fresco, secondo la più classica ricetta tipica, se proprio non avete tempo, comprare uno di quei barattoli del supermercato di pesto vi farà risparmiare davvero tantissimo tempo.

Tutto quello che dovrete fare, infatti, è mettere a cuocere l’acqua e poi condire con il pesto già pronto.

Comprare fuori il pranzo o la cena. Un’eccellente idea se proprio non volete cucinare, tenete presente che fare pranzo o cena fuori vi farà assimilare un sacco di calorie in più rispetto al preparare i pasti in casa, ma se non avete alternative fate pure (con moderazione).

Continue Reading