Come preparare una super pizza

La pizza è buona tutto l’anno e se non vuoi uscire ogni fine settimana per andare a mangiare in una pizzeria, anche perché il costo non è indifferente, l’alternativa è quella di imparare a fare la pizza a casa. Ecco alcune regole e consigli che puoi seguire per migliorare il risultato finale ed avere una pizza come in pizzeria, o quasi.

Usa una bilancia. La maggior parte dei problemi che si hanno con l’impasto della pizza è legato al fatto che non si mettono le dosi giuste degli ingredienti. Le ricette hanno dei pesi e dei rapporti certi per ogni ingrediente, non a caso.

Pensare come un panettiere. Se vuoi la pizza sul serio veramente, dovrai imparare a pensare in termini percentuali, come un panettiere. Una volta capito come funziona, potrai liberarti delle ricette.

Così, per esempio, se una ricetta per la pasta della pizza richiede il 60% di acqua, il 2% di sale e lo 0,5% lievito, significa che per ogni 1.000 grammi di farina bisogna mettere 600 grammi di acqua, 20 grammi di sale e 5 grammi di lievito.

Il vantaggio di questo sistema è che permette di aumentare o ridurre le quantità senza problemi.

Scegliere la farina giusta. La farina è l’ingrediente principale della pasta della pizza e il tipo che si utilizza può avere un grande effetto sul risultato finale. Tra le migliori tipologie di farine per la pizza è possibile scegliere quella 00 o quella integrale, a scelta, e volendo anche fare un mix di entrambe.

Fare fermentare per bene. Il freddo aiuta a far fermentare la pasta della pizza e conservarla in frigorifero dopo averla impastata può aiutare a migliorare sia il sapore che le caratteristiche della stessa, anche in termini di digeribilità.

Scegli la mozzarella giusta. Come per tutti gli ingredienti, devono essere di qualità, per questo motivo la scelta di una buona mozzarella è fondamentale. Deve essere di qualità e la più fresca possibile.

La cottura. Perché il gusto della pizza in pizzeria è migliore di quella a casa? Spesso la risposta sta nel forno, più caldo di quello che si può avere a casa. Un forno caldo agevola nella prima fase della cottura, durante la quale le bolle d’aria e il vapore all’interno dell’impasto si espandono rapidamente, portando la pasta a diventare ariosa e piena di buchi. Un forno caldo crea anche una migliore contrasto tra l’esterno, croccante e leggermente “carbonizzato”, e l’interno, più morbido. Se proprio volete fare le cose per bene, potete comprare un forno da pizza da tenere in giardino.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *